Sull’erotismo e la cura di sé

Photo by Ava Sol on Unsplash

Si parla pocchissimo di erotismo, piacere e sessualità. Se vorresti aumentare l’erotismo e l’energia vitale nella tua vita, imparando a includere questa dimensione nel tuo piano per la cura di sé, continua a leggere!

In diversi post e sui social di 100% Me Stessa ho parlato di cura di sé a diversi livelli, la cura del corpo, dell’anima, delle emozioni, della mente, dei rapporti. Cura intesa come ascolto e cura dei propri bisogni, nel rispetto di sé e dell’altro.

L’arte del benessere. L’allineamento delle dimensioni del tuo essere.

Tuttavia, c’è una parte della vita di cui non si parla spesso, sia per tabu, imbarazzo o vergogna: la sfera della sessualità e dell’erotico.

Anche questa si merita di essere ascoltata e rispettata. Perciò, oggi parliamo di come prenderti cura della dimensione erotica della tua vita e delle tue relazioni.

Innanzitutto è importante capire che l’EROTISMO è un concetto ampio e non solo relazionato con l’idea che abbiamo di sesso.

Infatti, nel suo significato originale, EROS è la forza vitale che muove il pensiero, è una forza che unisce elementi diversi.

Se pensiamo all’erotismo come forza vitale, seguendo anche il pensiero di Esther Perel, capiamo che è (o dovrebbe essere) presente in tutto ciò che facciamo.

Anche nella sfera della sessualità l’erotismo ci apre un mondo, aiutandoci a capire che per curare questa parte della vita non servono per forza nuovi giocattoli erotici o nuove posizioni sessuali

L’erotismo parte da te, dai tuoi pensieri, dal tuo senso di autostima, dal assumerti la responsabilità per il tuo desiderio, dalla tua apertura al mondo, dalla tua relazione con il piacere in senso lato.

Vediamo…

I punti chiave per curare l’eros sono molteplici, tanti dipendono dalla tua storia personale e dalle tue esperienze, traumi, tabu familiari e culturali.

Altri invece sono aspetti che riguardano soprattutto la conoscenza di te stessa, l’autostima, la capacità di allentare il controllo, ecc.

Conoscere te stessa

Conoscere te stessa significa ad esempio sapere che cose attivano in te il desiderio e che cose lo spengono.

Secondo Esther Perel, una psicoterapeuta nell’ambito delle relazioni e della sessualità, le risposte delle persone alle domande:

Che cosa ti eccita? Che cosa ti spegni?

Sono spesso poco relazionate con la sessualità per se…

Ad esempio, tra le cose che spengono il desiderio ci sono: i doveri, il lavoro, la stanchezza, le preoccupazioni, e tante altre cose che hanno in comune il “togliere l’energia e la vitalità”.

Tra le cose che accendono il desiderio ci sono cose legate al prendersi del tempo per la cura di sé, che accendono ed energizzano: stare in natura, ballare, connettersi al corpo e alla sensualità, nutrimento… Il punto fondamentale qui è l’essere presente, focalizzata, energizzata, piena di vitalità.

Allentare il controlo

Il controllo è un bisogno umano che serve soprattutto a creare un senso di potere sul mondo e sulle cose. Controllare le cose che succedono, come succedono, raggiungere risultati, scegliere, decidere, sono tutte cose che contribuiscono alla fiducia in sé e nel mondo.

Tuttavia, troppo controllo è nocivo. Soprattutto perché la vitalità, il gioco, la leggerezza, non fioriscono nel controllo, e dunque neanche il desiderio e l’erotismo.

Imparare ad allentare il controllo, lasciando spazio alla non-produttività e al rilassamento, al godersi la vita e il proprio corpo è un elemento importante dell’erotismo.

Per allentare il controllo proccurati una pausa rigeneratrice quando ne hai bisogno, ricordando che contribuisce al tuo benessere e che non succederà niente di grave se ti fermi.

Autostima e immagine corporea

Il piano sessuale è direttamente collegato con l’autostima. E’ quasi ovvio che, se non ti vedi bella, se non ti senti a tuo aggio nel tuo corpo e nella tua pelle, non penserai che altri possano vederti diversamente.

In più, sarà più difficile farti avvicinare, lasciare che un’altra persona entri nel tuo mondo (in tutti i sensi). La tragedie delle ragazze e delle donne è che i messaggi dei medie e della cultura popolare con cui sono confrontate ogni giorno, creano ideali di bellezza impossibili di raggiungere.

Il paragone costante con queste immagini ideali, e spesso irreali (dovuto all’utilizzo di photoshop), genera un senso di inadeguatezza e un’immagine di sé distorta.

Permetterti di sentirti bella, e dirti che ti meriti piacere, gioia, sensualità, è un passo in avanti per prendere cura della dimensione erotica.

Ricorda, tu meriti di goderti la vita, la sensualità, la spensieratezza, il dolce far niente.

Per incorporare l’erotismo nel tuo piano per la cura di sé ti propongo:

  • Sapere le cose che ti eccitano e quelle che spengono il tuo desiderio.
  • Prenderti cura di te stessa in senso ampio, creando energia e vitalità.
  • Vivere nel presente.
  • Fare esercizi legati ai sensi: conoscere e praticare i diversi tipi di tocco e scoprire quello che ti piace di più, scoprire i sensi attraverso nuove attività.
  • Allentare il controllo regalandoti pause rigeneranti e che creino fluidità nella tua giornata o, ad esempio, facendo un ballo scatenato, regalandoti un bicchiere di vino, ecc.
  • Inviarti messaggi positivi rispetto al tuo corpo, permetterti di goderti la vita.

Se hai bisogno di aiuto per lavorare sulla tua autostima o sulla cura di te stessa, posso aiutarti 🙂 Sul mio sito trovi i diversi servizi che offro: percorsi individuali e corsi da fare in autonomia. Scrivimi e prenota una sessione conoscitiva gratuita: ciao@centopercentomestessa.it