La sospensione del giudizio: come sconfiggere i diavoletti mentali?

Foto di Diana Simumpande su Unsplash

Conosci quella vocina nella testa che dice non sei abbastanza, non sei all’altezza, ma chi ti credi di essere, non sei pronta ancora, tutti rideranno di te, in somma, i diavoletti mentali…? Scopri come sconfiggerli e vivere con più gioia!

Dall’1 al 100, con quale frequenza giornaliera spuntano i diavoletti a disturbare la serenità della tua anima, o la tua motivazione?

I giudizi verso te stessa, del tipo:

  • Non sei abbastanza
  • Non sei all’altezza
  • Ma chi ti credi di essere
  • Non sei pronta ancora
  • Farai una brutta figura (e tutti rideranno di te)

Sono come diavoletti che si nutrono della tua energia e bellezza


Tu pensi: Domani indosso quel vestito che adoro. – Loro reagiscono: Ma non sei pronta, non hai fatto dieta, sei grassa…

Tu pensi: L’esame di domani andrà benissimo, ho studiato e sono brava in questa materia. – Loro reagiscono: Ma chi ti credi di essere, troppa sicurezza porta male…

Tu pensi: Il mio biz sta andando proprio bene, farò un nuovo passo! – Loro reagiscono: Cosa? Ma non sei pronta, guarda tutto quello che può andare male!!

Tu pensi: Sono propria contenta dell’educazione che sto dando a mia figlia. – Loro reagiscono: In somma, ma hai visto quanto tempo passi lontana da loro?


E la lista potrebbe continuare, giusto? Scommetto che la tua lista privata è bella lunga… Alla fine, è così che ci insegnano a essere…

Un aspetto interessante dei giudizi è che spesso non sono tuoi. Se ci pensi, i giudizi sono basati su valori esterni che impari durante il tuo percorso, e che interiorizzi, generando credenze che attuano nel sottofondo della mente influenzando il tuo comportamento ed emozioni.

In più, spesso questi giudizi non riflettono i tuoi veri valori, o quella che sei.

Prendiamo la situazione dell’esame: Ma chi ti credi di essere, troppa sicurezza porta male…

Questo giudizio riflette il valore morale (cattolico) della modestia e il la credenza (popolare) che la sicurezza o parlarne bene di una cosa, in anticipo, porta sfortuna.

E tu, ci credi a questi valori? Ti ci identifichi, o in fondo stai solo vivendo senza consapevolezza e lasciando che cose cui non credi veramente limitino la tua vita e la gioia che puoi sentire?

Vivere con la colpa, la vergogna, il senso di inadeguatezza, le paure, la limitazione, non è bello. Genere malessere e danneggia la tua autostima. Al tempo stesso, il giudizio è anche un riflesso della bassa autostima.

Ogni volta che giudichi te stessa, rimandi un messaggio interiore di incapacità, di mancanza di fiducia, di mancanza di rispetto, di inferiorità. E così continui a rinforzare questi meccanismi e a costruire un’immagine negativa di te, che farai arrivare agli altri…

1) Per eliminare o attutire i diavoletti mentali devi innanzitutto conoscerti bene e cominciare a riconoscere i tuoi veri valori. I valori fungeranno da scudo contro i diavoletti, proteggendoti dalla loro influenza.

2) Poi, sviluppare la consapevolezza e la presenza, che ti aiutano a portare in primo piano le credenze, i dialoghi, che attuano in sottofondo. La presenza sarà la luce che abbaglia i diavoletti, stordendoli.

3) Infine, arrivi con il colpo finale, la magia del dialogo interiore sano e realistico: Senti, tu diavoletto, ma chi ti ha invitato qui? Sappi che io a queste cose non ci credo. E anche se ci credessi, vorrei provare lo stesso. Sta buono li nell’angolino!

I diavoletti non spariscono subito, continueranno a spuntare e a metterti alla prova, ma ogni volta che tu li sfidi loro diventano più deboli, perdono energia, e potrai sempre di più dare alla luce quella che sei, te stessa al 100% 😉

La pratica e i risultati positivi, rinforzeranno la tua consapevolezza e le tue convinzioni.

Ricorda, sei grande e luminosa, dati il permesso di brillare!!

Se vuoi parlare su questo tema con più intimità, scrivimi. Sono qui per ascoltarti e accompagnarti nella tua giornata per la vita. Che sia una vita all’insegna del coraggio e dell’amore per te stessa!